ANTONIO GAROFALO – Tanti giovani ….. e la mia “speranza”

Antonio Garofalo, 27 anni, Cavaliere di “stanza” a Roma, alla “Macchiarella”. Una seconda parte della scorsa stagione scoppiettante. Determinazione e voglia di fare bene, passo dopo passo, con una “Speranza” come amica ….

  • Antonio, un 2017 diviso in due ….

Si, la prima parte non ha avuto molti risultati. Diciamo che abbiamo lavorato per il futuro. Poi, alla fine, è arrivata la vittoria nel GP del CSI2* delle Lame, un terzo posto nella Coppa delle Nazioni di Rabat e, nello stesso concorso, il piazzamento nel Gran Premio, valevole anche per la qualifica ai WEG e altri buoni risultati.

  • Hope, la tua “Speranza”, ancora lei la numero uno per questa stagione?

Si. Hope ha 11 anni, con lei ho ottenuto i risultati più importanti e spero di continuare sulla falsa riga della seconda parte della stagione. 

  • E insieme a  lei?

Ho due otto anni interessanti, con mezzi e qualità, da portare avanti, lavorare e affiancare a Hope e poi tanti giovani da far crescere.

  • Tra i giovani, secondo te, c’è chi ti porta a Lanaken?

Mi pacerebbe, ma bisogna vedere come si mette la stagione e come crescono. Un pensiero ce lo faccio sicuramente.

  • Programmi a breve termine?

Andrò per una decina di giorni a Ruvo di Puglia, da Gianluca Caracciolo, col quale collaboro. Mi porto dietro Hope, uno dei due otto anni ed un giovane. Gianluca è venuto qualche volta da me e poi, non essendo così vicino, lavoriamo a distanza. Questa trasferta mi servirà per consolidare il tipo di lavoro, in modo tale che, dopo, le cose vengano più facili…anche per telefono. Dopo questa esperienza, vedremo.

  • Tuo fratello, Giampiero, si è trasferito in Olanda. Com’è il tuo rapporto con lui?

Molto bello. Ci sentiamo tutti i giorni, parliamo tanto di cavalli. Per me, come Gianluca, è un punto di riferimento insostituibile. Se ho bisogno lui prende un aereo e arriva. Ecco, Giampiero e Gianluca incarnano perfettamente ciò che vuol dire fare questo mestiere e farlo bene.

  • Il tuo obiettivo stagionale?

Riuscire a fare qualche concorso importante, magari di più dello scorso anno e portare avanti i miei giovani. Posso utilizzare questo spazio per fare una cosa?

  • Certo che si, vai ….

Voglio abbracciare e ringraziare i miei genitori, che sono sempre i primi a sostenermi e starmi vicino. Sono molto importanti per me, nel mio lavoro e nella vita.

Grazie per il tuo tempo Antonio. In bocca al lupo per questa stagione densa di impegni che va a cominciare, con la “Speranza” di vederti su qualche podio importante.

Fabrizio Bonciolini e Susanna Fusco

09 gennaio 2018

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *