GABRIELE GRASSI – Un messaggio importante

Gabriele Grassi, oltre ad essere un Cavaliere straordinario, oltre che un amico, è anche molto attento a quello che succede intorno al nostro mondo.

Ciò che pensiamo di Gabriele, a parte quanto sopra, è ben evidenziato in questo nostro scritto del 12 marzo 2018, quasi un anno fa, quando, da poco, aveva iniziato la condivisione di un progetto con Licinio Grossi, condivisione che l’ha riportato ad affacciarsi la dove è già stato e merita di stare.

http://www.equideando.com/gabriele-grassi-sinfonia-al-galoppo/

 

Da un’esperienza, negativa, di una sua allieva, sabato, sui suoi profili twitter e facebook, ha lanciato un messaggio importante che, dopo avergli chiesto il permesso, riportiamo di seguito:

Qualche giorno fa la mia allieva N 1 Vittoria Passarelli Pula , in una semplice giornata di comune allenamento sul salto è caduta . Nella dinamica dell’accaduto Aco Fly, uno dei suoi 2 cavalli, ha cercato di evitarla con gli anteriori ma poi è andato ad urtarla con i posteriori proprio sulla testa: ha riportato qualche lesione ma è sana e salva . Ho fatto questo post per dirvi di indossare sempre il kep in ogni occasione e, anche se siete dei professionisti, non sottovalutate mai il caso. Inoltre vorrei ringraziare anticipatamente tutti quelli che porteranno avanti questa iniziativa , Lelia Polini e Kep Italia per l’ottima qualità dei loro caschi, che ci proteggono ogni giorno, e fare un augurio importante di pronta guarigione a Vittoria ❤️🐴non mollate mai , un abbraccio Vitty TVB

La posizione di chi scrive, sull’uso del casco è questa: Obbligo, senza eccezioni per gli Juniores. Dalla maggiore età in poi, ognuno, non essendovi uno specifico obbligo di Legge, deve anche un po’ essere artefice del proprio destino. Siamo però convinti che se la cultura del casco venisse, soprattutto con l’esempio, “inculcata” ai piccoli, tra una generazione avremmo, con tutta probabilità, una percentuale di Cavalieri muniti di casco, pari quasi al 100%.

Dal canto suo Gabriele, così come Licinio Grossi, mettono il cap anche per stare al passo.

Speriamo che tanti Cavalieri e tanti istruttori condividano il post di Gabriele e, soprattutto col loro esempio,  insegnino ai loro ragazzi che l’uso del cap può davvero limitare se non annullare i rischi conseguenti ad un incidente come quello capitato alla giovane allieva di Gabriele.

Bravo Gabri e grazie per questa testimonianza.

Fabrizio Bonciolini e Susanna Fusco

11 febbraio 2019

foto; Gabriele Grassi e Apollo – ©SassoFotografie

 

About The Author

Related posts