Il gusto dell’orrido – quando il rispetto e la morale svaniscono.

Caselle di Sommacampagna. Sabato 30 aprile. Campo prova della categoria 130.

Anastasia VDL, baia del 2005, sta saltando; Lei e la sua amazzone si preparano per entrare in gara.

Ad un tratto succede. Succede una di quelle cose che nessuno di noi, appassionati, cavalieri, amazzoni, amanti degli animali, vorrebbe che mai succedesse. Anastasia VDL si accascia al suolo. E non si rialzerà mai più.

La disperazione di quei momenti è devastante. Perdi un amico, un pezzo di te che se ne va in un modo così imprevedibile.

Cala quel silenzio assoluto che in questi momenti significa immenso dispiacere, rispetto e dolore.

Ma non succede solo questo. Succede che qualcuno, non so e non riesco a capire spinto da quale assurda e stupida motivazione, scatta una foto ad Anastasia agonizzante o già volata via. E la posta…..la posta su un social………

Il gusto dell’orrido…..come quelli che si fermano quando succede un incidente ed imbracciano lo smartphone alla ricerca dell’immagine a sensazione…….pazzesco!!!!!!

Cosa vuol dire quella foto postata così? Perché? A che scopo? Cosa ci hai trovato di così interessante da rendere partecipi centinaia di persone? 

Davvero senza parole. Ed è un atteggiamento che andrebbe punito…..eccome se andrebbe punito. Il rispetto per una tragedia del genere lo si esterna andando dal proprietario o dall’amazzone di Anastasia e portando la propria vicinanza ed il proprio dolore. Andando da quell’amazzone sciolta nelle lacrime e da quel proprietario col cuore spezzato che ha continuato a vegliare su Anastasia per due ore….in box, continuando a spazzolarla…….non postando la foto del suo cadavere su un social…..C’è solo da vergognarsi!!!!!!

Auspico davvero una bella punizione per chi si è reso protagonista di questa bella trovata. Ed è bene che sappia che quel gesto è gia stato giudicato da chi era presente, da chi ha visto. Davvero senza parole!!!!!!!!!

Ciao Anastasia. Perdona questi stupidi uomini!!!!!!

Fabrizio Bonciolini

Maggio 2016

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *