Piazza di Siena – Piccolo Gran premio e Sei barriere a Harrie Smolders. Domani il Gran premio Roma

CHIUSURA IN BELLEZZA CON IL ROLEX GRAN PREMIO ROMA

Tre giorni di grande sport, quelli fin qui trascorsi a Piazza di Siena, ed un epilogo, domani, che si preannuncia ancor più prestigioso con la disputa del Rolex Gran Premio Roma.

Quarantanove i partenti, tutti i protagonisti di questa edizione del concorso romano tra cui, tredici italiani. Ricco il montepremi di 350mila euro in palio in quella che è la gara individuale più importante dell’86° CSIO di Roma che avrà inizio alle 12:15.

Sarà una giornata indimenticabile ed è atteso il pubblico delle grandi occasioni che arricchirà con la sua appassionata e festosa presenza il già magnifico colpo d’occhio della nuova Piazza di Siena voluta da CONI e FISE.

Chi non potrà essere a Piazza di Siena per vivere la giornata, potrà seguire il Rolex Gran Premio Roma in TV con la diretta di RAI SPORT + HD (dalle 13:00 alle 13:50) e di RAI DUE (dalle 13:50 alle 15:00) oppure da computer e smartphone grazie allo streaming.

LORO PIANA TROPHY: VINCE HARRIE SMOLDERS

Non poteva non mancare la firma del cavaliere numero uno al mondo in questa edizione dello CSIO di Roma. A vincere il Loro Piana Trophy, categoria mista con ostacoli da 1 e 50/55 è stato infatti Harrie Smolders che aggiunge così al suo ricco palmares il primo sucesso individuale a Piazza di Siena, dove aveva però già conquistato la Coppa delle Nazioni con l’Olanda nel 2011.

In sella a Cas 2 Smolders ha dato prova, davanti al caloroso pubblico presente numeroso anche oggi, di determinazione e precisione e, dopo il netto del percorso base, in barrage ha spinto decisamente sull’acceleratore fermando il cronometro su 34.14 secondi.

“E’stata una bella gara con il giusto numero di percorsi netti – ha spiegato l’olandese – e quello che è stato messo in scena è stato un fantastico esempio di sport! Piazza di Siena mi è sempre piaciuta, c’è una bellissima atmosfera e essere in Italia piace a tutti! Cas è un cavallo di grande cuore, competitivo e rispettoso, in più ci conosciamo molto bene visto che lo monto da quasi due anni. Ultimamente è migliorato molto e lui stesso ha capito che sta diventando sempre più bravo!

Secondo posto per l’elvetico Steve Guerdat con Alamo (0/0; 35,04) cavallo con il quale ieri aveva affrontato la Coppa delle Nazioni Intesa Sanpaolo.

Tredici i binomi qualificati per il barrage sui 46 schierati al via. Tra di questi quattro azzurri. Il migliore è stato Emanuele Gaudiano terzo in sella a Chalou grazie ad una  prestazione grintosa (0/0; 35.40). “Chalou ha nove anni e ha saltato molto bene oggi – ha commentato l’azzurro – in avvicinamento al penultimo salto potevo forse togliere un tempo di galoppo, ma ho preferito non rischiare l’errore. Va bene così!”

ANCORA SMOLDERS. È SUA LA LORO PIANA SIX BARS
Harrie Smolders protagonista assoluto di questa terza giornata dell’86° CSIO di Roma. Dopo il Loro Piana Trophy, l’olandese ha infatti vinto anche la spettacolare Loro Piana Six Bars firmando una ‘doppietta’ da vero campione.

In sella a Corrada, Smolders è stato l’unico a superare senza errori la serie di ostacoli che componevano il terzo barrage con l’ultimo verticale posizionato alla ragguardevole altezza di 1 metro e 95 centimetri.

“Questa formula –  ha detto –  è al contempo spettacolare per il pubblico e fisicamente non tanto impegnativa quanto si potrebbe pensare per i cavalli. Corrada, per esempio, non aveva mai affrontato prima un ostacolo delle dimensioni di oggi, ma sapevo che non si sarebbe lasciata impressionare facilmente perché è una cavalla di cuore e di coraggio”.

Insieme a Smolders hanno affrontato il terzo barrage l’italiano Edoardo Fochi su Qaro Dan e il francese Frederik David su Saxo de la Roque. Entrambi hanno però commesso un errore classificandosi al secondo posto a pari merito.

INTESA SANPAOLO PREMIA LA MIGLIORE AMAZZONE
Un premio speciale verrà assegnato domani da Intesa Sanpaolo. Un premio andrà infatti alla migliore amazzone del concorso, colei –  cioè – che si sarà maggiormente distinta in base ai piazzamenti ottenuti nelle varie gare nell’edizione numero 86° dello CSIO di Roma Piazza di Siena.
Molte le amazzoni di levatura mondiale presenti che possono ambire a queto premio. Dall’australiana Edwina Tops Alexander, alla canadese Kara Chad, dalla tedesca Meredith Michaels Beerbaum, alla nostra Giulia Martinengo Marquet. E ancora la portoghese Luciana Diniz, la svedese Malin Baryard Johnsson, l’altra svedese vincitrice a Roma nel 2017 della tappa del LCGT, la svizzera Janika Sprunger e le due statunitensi Laura Kraut e Elizabeth Madden fresca vincitrice della finale di Coppa del Mondo a Parigi. Insomma, c’è l’imbarazzo della scelta nell’indicare le candidate al prestigioso trofeo offerto da Intesa Sanpaolo.
© Equi-Equipe – Press Office CSIO Roma Piazza di Siena

press@piazzadisiena.it | piazzadisiena.it

Press Office CSIO Roma Piazza di Siena: Equi-Equipe
Tel. +39.338.4609287 / +39.06.97271959 / press@equi-equipe.com

Foto: Steve Guerdat – credit Simone Ferraro CONI

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *