RIPRESA DELLE SESSIONI DI ALLENAMENTO: FISE CHIARISCE ALCUNI PUNTI

La Federazione, in data odierna, ha fornito alcuni chiarimenti relativi alla ripresa delle sessioni di allenamento, di interpretazione del DPCM 26 aprile 2020, il quale riguarda la cosidetta Fase 2 di riapertura, in vigore dal 4 maggio prossimo, in seguito al fermo totale delle attività sportive, causato dalla necessità di contenere i contagi da Covid-19.

Il testo del DPCM, art. 1, comma 1, lettera g), così recita:

“… Allo scopo di consentire la graduale ripresa delle attività sportive, nel rispetto di prioritarie esigenze di tutela della salute connesse al rischio di diffusione da COVID-19, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti – riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal Comitato Paralimpico e dalle rispettive Federazioni, in vista della loro partecipazione ai Giochi Olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali – sono consentite, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse, per gli atleti di discipline individuali. ….”

Il chiarimento FISE odierno a tale proposito recita: “Allo scopo di consentire la graduale ripresa di attività sportive, soprattutto in vista della partecipazione a gare nazionali o internazionali, l’art. 1, lettera g) del DPCM consente le sessioni di allenamento degli atleti agonisti – cosi come sono stati individuati dalla Federazione – ovvero quelli in possesso di autorizzazione a montare Brevetto, 1° e 2° grado di ogni disciplina e in regola con il tesseramento.”

Si ritiene che la FISE intenda individuare come atleti di interesse nazionale, tutti gli atleti agonisti, quindi coloro che siano in possesso di autorizzazione a montare Brevetto, 1° e 2° grado, in quanto tutti possibili partecipanti a gare nazionali o internazionali.

Naturalmente gli allenamenti, negli impianti dei circoli ippici affiliati o aggregati, dovranno essere effettuati nel rispetto delle norme di distanziamento sociale, senza assembramento e soprattutto negli impianti a porte chiuse.

Dovranno poi essere seguite le Linee Guida emanate in data 15 Aprile 2020 dalla Federazione stessa, in attesa che vengano emanate delle Linee Guida nazionali.

Inoltre, per gli atleti in questione, saranno possibili gli spostamenti, purché in possesso di autodichiarazione prevista dalle norme statali in vigore, corredata dalla stampa della propria autorizzazione a montare (patente).

Restano tuttora sospese le attività dei centri sportivi (art.1, comma 1, lettera u) e le manifestazioni di carattere ludico e sportivo (art. 1, comma 1, lettera i). Di conseguenza, per coloro che sono in possesso di autorizzazioni a montare inferiori al Brevetto, resta la possibilità di andare nelle scuderie ad accudire i propri cavalli, qualora i gestori non abbiano la possibilità di occuparsene e richiedano la collaborazione da parte dei proprietari, secondo le Linee Guida emanate dalla Federazione. Inoltre, le scuole di equitazione non potranno ancora riprendere le lezioni.

Riportiamo di seguito, per pronto riferimento, i link ai provvedimenti citati.

DPCM 26-4-2020: http://www.governo.it/sites/new.governo.it/files/Dpcm_img_20200426.pdf

Nota FISE 29-4-2020 per la ripresa degli allenamenti: https://www.fise.it/federazione/news-la-federazione/archivio-news-la-federazione/15125-dpcm-26-aprile-2020-chiarimenti-per-la-ripresa-delle-sessioni-di-allenamento.html?fbclid=IwAR2ciwLnugYgt0pJTN68CSwlVWT6401DrspuFLQwyR_6UQV7LUWehofsMQc

Linee Guida FISE per l’accesso ai Circoli: https://www.fise.it/images/AAANEWS2016/DOCUMENTI/DOCUMENTI_2020/all._1_Linea_Guida_per_accesso_Circoli.pdf

Susanna Fusco e Fabrizio Bonciolini

29 Aprile 2020

 

 

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *